Seguendo Kvéta presentiamo:”Tracce di pollicino”

0 Foto in evidenza pollicino e i suoi fratelli

Scheda tecnica

Il percorso si propone di sviluppare le seguenti competenze:

  • potenziamento delle capacità di ascolto e di attenzione;
  • sviluppo della creatività in ambito grafico-illustrativo;
  • potenziamento delle abilità  fino motorie;
  • potenziamento della capacità di lavorare in gruppo.

Luogo di realizzazione:
palestra, classe.

Modalità di realizzazione:

1° INCONTRO: presentazione delle opere di Květa Pacovská , Mondrian, Kandinskij, Mirò, Picasso.
Lettura animata dei libri:”Hansel e Gretel “– Grimm- Květa Pacovská (Nord-Sud Edizioni); “Il piccolo re dei fiori” Květa Pacovská (Nord-Sud Edizioni).
Sono a disposizione per essere consultati anche: “Cappuccetto Rosso” Grimm- Květa Pacovská (Nord-Sud Edizioni) e “Uno, cinque, tanti” ” Květa Pacovská (Nord-Sud Edizioni).

2° INCONTRO:creazione individuale di un personaggio  o di un ambiente legati al mondo delle fiabe.
Materiale a disposizione: colori a cera, carta reciclata da utilizzare con la tecnica del collage.

3° INCONTRO: presentazione dei lavori creati durante il secondo incontro e lettura animata di “Pollicino” di Charles Perrault.

4° INCONTRO: suddivisione della classe in piccoli gruppi e creazione degli ambienti  e dei personaggi della fiaba di “Pollicino”, seguendo le tecniche dell’illustratrice Květa Pacovská.

5° INCONTRO: completamento dei lavori intrapresi nel 4° incontro

6° INCONTRO: assemblaggio delle tavole illustrative.

 

Appunti di viaggio: documentazione del percorso 

Come già accennato nel progetto “La sedia blu”, un po’ di anni fa ho incontrato  in una Mostra del libro a Bologna, le opere dell’illustratrice  Květa Pacovská. Il suo mondo fatto di colori  intensi e decisi, fra i quali predominano su tutti il rosso e l’argento, è stato per me un profondo amore a prima vista!
La voglia di condividere questo amore con qualcuno ma soprattutto con i bambini era forte così ho deciso di presentare Květa all’interno di un laboratorio intitolato “La sedia blu”(Vedi Laboratorio),già iniziato in una classe. Il percorso aveva come obiettivo principe quello di stimolare la fantasia, preziosa ed efficace risorsa non solo nel mondo dell’arte, ma anche per affrontare la quotidianità.
Con Květa c’era la possibilità di far conoscere modi nuovi per esprimersi graficamente ; i materiali scelti per le attività grafiche sono stati i colori a cera e tanta carta di vario genere  perché Květa, nelle sue opere, utilizza anche la tecnica del collage.

A questo punto invito caldamente a visitare un sito che aiuta ad avvicinarsi alla meravigliosa artista.

Per raccontare il viaggio, utilizzo uno scritto fatto insieme ai bambini della classe, per la presentazione del lavoro ai genitori e al resto della scuola.

“Ciao, siamo alunni di 4^ A della scuola “Garagnani” e vi vogliamo raccontare una nostra esperienza. Un po’ di tempo fa, abbiamo avuto un incontro molto magico: è venuta a trovarci una signora che si chiama Květa Pacovská.
Květa è una grande artista ed illustra libri per bambini…Beh a dire la verità non è venuta proprio lei, perché abita molto lontano, è nata nella Repubblica Ceca.
Sono venute le sue opere, le sue illustrazioni: eccone alcune tratte dai suoi libri:

Le sue opere però, non sono venute da sole, ma sono arrivate insieme a quelle di altri artisti importanti, a cui Květa si è ispirata: Mondrian, Kandinskij, Mirò, Picasso.

Noi le opere le abbiamo osservate, godute, commentate, capite: nelle illustrazioni di Květa ci sono molte figure geometriche, tratti essenziali, colori decisi con una predominanza del rosso, del nero e dell’argento.
Queste opere ci sono state subito simpatiche perché sembrano disegni fatti da bambini e fanno entrare in un mondo incantato.
ci siamo così entusiasmati che abbiamo voluto sperimentare, trasformarci in artisti, in nuovi amici di Květa e abbiamo creato dei disegni con pastelli a cera e carta reciclata, seguendo le sue tracce.
Eccoci all’opera:

Ciascuno di noi ha creato un’opera che poi ha condiviso con i compagni.
Successivamente abbiamo ascoltato la fiaba di “Pollicino” letta da Cristina.
In seguito ci siamo divisi in piccoli gruppi e abbiamo progettato e realizzato tavole che sono poi diventate illustrazioni della storia di “Pollicino”.

Cristina intanto si è divertita a rivisitare la fiaba di “Pollicino” in versione filastrocca, questa è la copertina del nostro libro completo. Cliccate qui http://www.crionda.it/racconti/tracce-di-pollicino/
se avete voglia di leggere la storia!
25 copertina di tracce di pollicino

Queste alcune delle nostre tavole: