“Suoni per giocare” sperimentazioni acustiche

pentole 2

 

A chi dovesse  progettare sperimentazioni sonore, percorsi musicali alternativi, presso Scuola dell’Infanzia o prime classi Scuola Primaria, consiglio caldamente: “Suoni per giocare” di Arianna Sedioli   con la collaborazione di Cooperativa Sociale La Coccinella (Artebambini).  Il libro è un’inesauribile fonte di idee che si possono realizzare esplorando  ambienti che ci circondano o utilizzando oggetti di uso quotidiano, quindi facilmente reperibili e a basso costo.

Riporto un brano estrapolato dalla descrizione del retro-copertina:

“Un mestolo, una sveglia, un barattolo, un imbuto, una manciata di foglie secche, un pugno di sabbia, un vasetto di semi possono diventare un incredibile strumentario per allestire un laboratorio di sperimentazioni acustiche e non solo. Paradossalmente è un invito a saper cogliere la pienezza del silenzio che è all’origine dei suoni, che li rende suggestivi e vibranti, ne scandisce l’entrata e l’attesa dei successivi e crea emozionanti incursioni nel linguaggio.”

Il libro è inoltre dotato di un cd che consente di fare un gioco.

Condivido alcune illustrazioni tratte dal libro, nelle quali vi sono suggerimenti circa gli ambienti che si possono sfruttare e gli oggetti in essi contenuti:

Cose sonanti

pentole 1

In cucina

in cucina 1

Una sveglia meccanica

la sveglia 1

C’era una volta una biglia curiosa

la biglia 1

Materiali naturali

materiali naturali 1

In giardino

in giardino 1

In stazione

in stazione 1

Riproduzioni di alcuni versi o rumori che producono gli animali

Il dottore dei suoni

il dottore dei suoni 1

Il fonendoscopio

Il CD: giochiamo a indovinare i suoni

ascoltiamo la traccia audio 1

Ma questi sono solo alcuni  degli spunti che questo meraviglioso libro suggerisce, c’è tanto, tanto altro. 

Inutile dire che personalmente ho già fatto le mie sperimentazioni a scuola. 
Ho preparato dei vassoi con materiale di vario genere e con lo stetoscopio i bambini hanno potuto auscultare il suono prodotto.  Tante sono state le suggestioni rievocate!

Un assaggio:

Buon libro e buon lavoro!