Con il Maestro Mirò impariamo ad intrecciare pittura e poesia

0-foto-in-evidenza-il-mio-sogno

Una mattina di un po’ di tempo fa, il Maestro Mirò fa visita ad una classe 5^, Scuola Primaria; certo non lo fa di persona ma attraverso una lettera: questo il contenuto.

“Ciao ragazzi mi chiamo Joan Mirò,

sono un artista spagnolo che ha iniziato a disegnare a soli 8 anni.

Ho studiato tanto per diventare davvero bravo e per qualche anno mi sono trasferito anche a Parigi dove ho conosciuto pittori famosi che mi hanno fatto da maestri. Ho imparato a dipingere sul vetro e a lavorare la ceramica. Insomma, come avrete capito mi piace divertirmi con tante cose diverse.

Il nome della mia arte è il SURREALISMO : non disegno ciò che vedo attorno a me ; ma quello che immagino dentro nella mia testa (il surrealismo da spazio al sogno e all’inconscio). Figure, paesaggi e oggetti strani che nella realtà non potrebbero mai esistere e pensate un po’, a volte disegno anche quello che vedo nei miei sogni più pazzi. E sapete perché?  Perchè nell’arte tutto è possibile come in un sogno.

Nei miei quadri si ritrovano spesso forme minuscole in vasti spazi vuoti. Ho sempre bisogno di un punto di partenza, sia esso una macchia di polvere o uno squarcio di luce. Questa forma fa nascere una serie di cose, una ti conduce verso un’altra. Un pezzo di filo può dare inizio a un mondo. Trovo i miei titoli man mano che lavoro, allo stesso modo in cui sulle mie tele una cosa porta a un’altra.
Mi piace essere dentro il quadro, per questo lascio spesso sulla tela o l’impronta della mia mano oppure modello i colori con le dita.
Nutro un grande amore per la poesia e nelle mie opere si intrecciano scrittura e disegno. Agli inizi del 1920 a Parigi ho conosciuto e frequentato alcuni poeti e mi sono immerso nelle loro parole con tutta l’anima. Insieme a loro ho cominciato a sentire la necessità di creare un legame tra l’espressione letteraria e quella figurativa. Mi  sono convinto che poesia e pittura siano inseparabili.
Chissà se la pensate come me…  

Joan Mirò “

Naturalmente questa lettera ha destato nei bambini molta curiosità.  Grazie alla lettura del libro “Con gli occhi di Mirò” di Paola Franceschini (Artebambini) hanno potuto conoscere l’artista e attraversare le varie fasi della sua vita personale e artistica.

 Una volta fatta la conoscenza di questo straordinario artista, i ragazzi , ispirandosi alla pittura surrealista di Mirò, hanno illustrato “poesie sui sogni” lette in classe….poi, sono diventati essi stessi poeti ed illustratori della loro poesia…

Una proposta non semplice … ma  posso proprio dire che tutti quanti sono stati stupefacenti!
I loro lavori sono diventati una raccolta di poesie intitolata:“Sogno se… son desto” (titolo del percorso laboratoriale all’interno del quale la classe ha incontrato l’artista http://www.crionda.it/laboratori/sogno-son-desto/ )

Di seguito alcuni elaborati

CAPRIOLE NELL’ARIA

quadro-intitolato-capriole-nellaria

Ho sognato di volare con ali

Ho sognato di fare capriole in aria

E di scoprire paesi nuovi

Per provare emozioni

come la felicità  e la gioia

Ho sognato di credere nei miei desideri

Elena Marchesini

IN VIAGGIO PER IL MONDO

quadro-intitolato-in-viaggio-per-il-mondo

Se non ti arrendi, ce la farai

anche se incontri mostri terribili, tempeste di pioggia

e mari arrabbiati.

Ma se ti arrendi tutto cambia.

Quello che incontri forse ti farà talmente paura

che ti verrà voglia di ritirarti.

Non farlo, non arrenderti

E non ti succederà niente.

Michel Filippin

TEMPESTA

quadro-intitolato-tempesta

Ho sognato una notte tempestosa

La paura mi fermava,

però io, inarrestabile,

ho imparato che la vita

è fatta di ostacoli e di desideri.

Martina Filipponi

IL SOGNO

quadro-intitolato-il-sogno

Ho sognato di volare

Un sogno soffice e leggero

Ero allegra e spensierata.

Ho sognato di volare

un sogno avventuroso e mozzafiato

Ho sognato di volare…

e non smetterò mai più.

Matilde Lambertini

 

IL MIO MONDO

quadro-intitolato-il-mio-mondo

Se sogno l’impossibile,

sogno di vivere in un altro mondo

nel quale ci si distacca dalla realtà.

Vivere in un mondo di colori,

nel blu dei sogni,

nell’azzurro del volo,

nei colori sgargianti delle emozioni.

Se sogno il possibile

sogno di cavalcare sicura

e di creare con stoffe preziose,

abiti inimmaginabili.

Se credo in me

Tutto può diventare realtà.

Martina Monti

 

OCCHI

quadro-intitolato-occhi

Sogno  un mondo senza giudizi

Sogno un mondo che non mi giudichi

Sogno che la mia timidezza mi abbandoni

Sogno di riuscire un giorno a guardare negli occhi

Fabio Galletti